#FreeAya

La foto di Aya Hegazy e di suo marito Mohammed Hassanein è stata scattata oggi in un tribunale del Cairo da Sherif Abdel Quddous, giornalista indipendente, il reporter che più di ogni altro segue i processi ai detenuti politici egiziani. Aya e Mohammed aspettano la sentenza. Possono incontrarsi solo nella gabbia riservata agli imputati, in tribunale. Alla fine dell’udienza, il giudice ha deciso ancora una volta per il rinvio, il prossimo 16 aprile. E c’è chi ha fatto notare che l’udienza sarà dopo il viaggio a Washington del presidente Abdel Fattah al Sisi per evitare pressioni e imbarazzi. Due membri del Congresso americano, infatti, chiedono da mesi l’immediato rilascio di Aya Hegazy, che ha doppia cittadinanza, egiziana e statunitense. Aya e Mohammed avevano creato Belady, un’associazione per aiutare i tanti bambini di strada del Cairo. Sono stati arrestati nel 2014 perché accusati di vari reati, comprese  reati riguardanti l’assetto della ong e l’incitamento verso i minori a partecipare alle manifestazioni dei Fratelli Musulmani. Accuse che gli imputati respingono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *