Alaa : 169 giorni in sciopero della fame.

169 giorni di sciopero della fame di un cittadino britannico rinchiuso in un carcere egiziano, inaccessibile da mesi per le autorità consolari di Londra. Il cittadino britannico si chiama Alaa Abd-el Fattah. E’ da oltre cinque mesi e mezzo in sciopero della fame. A Londra, intanto, è la vigilia dei funerali della regina Elisabetta II, già omaggiata da centinaia di migliaia di persone. Arriverà anche il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ai funerali, come indicato da qualche sito? E cosa dirà, nel caso vi fosse anche Al-Sisi,la nuova inquilina di Downing Street numero 10, ossia Liz Truss, che ha assicurato di fronte al parlamento che il governo britannico si stava occupando del caso di Alaa?

C’è bisogno, soprattutto ora, di non interrompere la catena del digiuno solidale per tenere viva l’attenzione su Alaa e sui 60mila prigionieri nelle carceri del regime egiziano e sullo stato delle violazioni dei diritti. Chi vuole aderire, e partecipare al digiuno scriva una email a info@invisiblearabs.com.

Il digiuno solidale a staffetta per Alaa continua, dunque. Oggi, sabato 17 settembre, digiuna Flora Cappelluti, giornalista di Anbamed, che ha deciso di astenersi dal cibo il 17 di ogni mese. E digiuna ancora una volta Francesco Giordano. Grazie di cuore!