Meglio la strada delle caste

Il palcoscenico più importante è un altro. È molto lontano, al di là di un oceano. Alle Nazioni Unite, dove alcuni dei (grandi) cambiamenti in corso nella regione araba e mediorientale sono già evidenti. In un certo qual modo simboleggiati anche dal discorso di Mohammed Morsy dal podio dell’Assemblea Generale dell’Onu. Morsy ha parlato come il primo presidente democraticamente eletto dell’Egitto in transizione, mentre a casa si discute dei primi articoli della costituzione. E Mahmoud Abbas parla oggi, senza però avere l’impatto che ebbe – inatteso – un anno fa.

Il mondo arabo, però, è fatto per fortuna ancora di altri palcoscenici. Magari tra le case del Cairo. E per vedere che faccia hanno gli altri protagonisti di questa storia, guardatevi con attenzione questo video, girato in una Cairo normale e quotidiana. È il video di un brano rap egiziano. Niente di che, come sperimentazione. Se si vuole, un rap normale (normale? che vuol dire?…).

 

Asfalt, Ana Satreen. Una summa di quello che pensano molti ragazzi normali del Cairo. Molto più interessanti e vivaci delle discussioni in corso in Italia, anche nella mia categoria. Meglio la strada, delle varie caste.

Thanks, Zeinobia.